MONTECCHIO  OGGI

.

.

.

.

- territorio 

- economia

- popolazione    

 

 

 

 

© 2000-2001 Novatec s.r.l. - tutti i diritti riservati

.

.

.

.

.

.

  IL TERRITORIO  

 

Il Comune di Montecchio Maggiore si estende su di una superficie di 3.O68 Ha; posto a Ovest di Vicenza, si trova alla confluenza delle valli del Chiampo e dell'Agno.  Confina a Nord con Castelgomberto, a Est con Sovizzo e Altavilla Vic., a Sud Brendola, Montebello e Zermeghedo, a Ovest con Montorso, Arzignano, Trissino.    Il territorio è variamente costituito da zone pianeggianti (70% circa) e da colline.   L'altitudine sul livello del mare varia tra 50m e 294m.

Il territorio comunale è servito da una fitta rete di strade comunali ben curate; le zone collinari sono percorse da carrarecce e sentieri segnalati e soggetti a manutenzione.   Alcune vie a traffico molto intenso attraversano il territorio: la statale 11 Verona - Vicenza; la statale 246 per Recoaro; la statale 500 per Lonigo;    l'autostrada A4 Milano - Venezia.    E' inoltre presente un tratto della ferrovia Milano - Venezia.    L'antico tracciato della ferrovia che un tempo collegava Vicenza con Valdagno, per alcuni tratti è stato convertito in pista ciclabile, esclusa alla circolazione dei veicoli a motore.

Negli ultimi decenni, il numero dei veicoli circolanti è notevolmente aumentato, a causa del forte sviluppo industriale e del benessere generale in tutti i comuni della zona, creando problemi alla viabilità, costretta a sussistere sulle strutture dimensionate per carichi di gran lunga inferiori.    A soffrirne maggiormente è la vivibilità dei centri urbani,  in particolar modo sulle tratte di maggior flusso.

 

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

  ATTIVITA' ECONOMICHE  

 

Proveniente da una economia eminentemente contadina, negli ultimi decenni (a partire dagli anni '50) Montecchio Maggiore ha visto un continuo evolversi nei settori industriale ed artigianale con importanti presenze di aziende manifatturiere, principalmente meccaniche, elettromeccaniche, chimiche; oltre ad una consistente presenza di aziende che, seppur di piccole dimensioni, rappresentano buoni riferimenti nell'ambito della produzione nazionale nelle tecnologie innovative, principalmente nel settore dell'elettronica industriale.   La posizione strategica sulle direttrici di forte traffico economico ha contribuito al successo di Montecchio, unitamente ad indiscusse capacità imprenditoriali che hanno favorito, nei decenni passati, il richiamo in zona di maestranze e realtà da altri centri limitrofi.

Sono inoltre presenti molteplici imprese commerciali ed operanti nei servizi, di varie dimensioni, in grado di offrire una ampia gamma di beni e servizi sia alle necessità professionali e produttive che per il miglioramento della qualità della vita dei cittadini.

L'agricoltura è attualmente in second'ordine rispetto alle altre attività.  Il territorio si presta a tutte le culture per quanto riguarda le zone pianeggianti, seguite da aziende agricole ben strutturate ed organizzate, secondo gli standard nazionali.  Le culture predominanti sono la vite, il mais e cereali in genere, la soia.  L'allevamento del bestiame non è rilevante.    Nelle zone collinari si coltiva la vite e poche altre culture marginali, mentre gran parte dei terreni un tempo coltivati risultano attualmente boscate.  La produzione di vini d.o.c. di alta qualità ed una efficiente commercializzazione, consentono il mantenimento della viticoltura, con discreti ritorni economici.

 

 

 

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

  LA POPOLAZIONE  

 

Attualmente, gli abitanti sono circa 20.000, le residenze sono concentrate nei centri urbani di Montecchio San Vitale e San Pietro (comprendenti il nucleo storico del centro abitato) e nella frazione di Alte Ceccato (costituitasi come centro abitato nei primi anni '50).    Altre frazioni e località sono: SS. Trinita, S. Urbano,  Ghisa, Valdimolino, Bernuffi.

Nelle frazioni è presente popolazione autoctona che denota la propria provenienza con i tipici cognomi locali, mentre nei  maggiori centri una porzione consistente è costituita dai provenienti da altri comuni della provincia o da fuori regione durante il periodo di massimo sviluppo (anni 50-70).   Piuttosto consistente (tra i valori massimi a livello nazionale) è la presenza di immigrati stranieri a seguito dei flussi migratori attuali o del recente passato, principalmente provenienti da: Africa, Cina, Bangladesh, Pakistan, est Europa.

 

 

.

.

.

© 2000-2001 Novatec s.r.l. - tutti i diritti riservati