Misteri - Misteri - Misteri
Immagini e situazioni alla ricerca di una spiegazione: chi saprà darla?

.


2 - Scavi misteriosi a Montecchio

Da diversi anni si ripropone ciclicamente un insolito cantiere dalle parti dell'ospedale.
Siamo andati a curiosare per tentare di scoprire, attraverso le maglie della recinzione, 
di che cosa si tratta.

.

Per chi proviene dal Patronato S.Antonio, si presenta molto evidente la recinzione in materiale plastico.

Il cantiere ha quasi l'aspetto di una edificazione edilizia ma non vi si scorgono né muratori né attrezzature edili.

 

Ha più l'aria di un cantiere abusivo bloccato con l'ordinanza del sindaco.  La recinzione è a posto, ma all'interno non c'è alcun segno di vita.

Osservando con attenzione, per chi transita spesso sulla via adiacente, di tanto in tanto è possibile distinguere la sagoma di una ragazza (almeno tale sembra), accovacciata sul terreno, intenta ad ispezionare con minuziosa attenzione le pietre o chissà che altro.


Spiando attraverso i fori della recinzione è possibile vedere l'interno del cantiere: non c'è niente!

Tutto l'appezzamento è stato, a periodi, interessato a questa "indagine" ed in alcuni punti era possibile scorgere resti di manufatti (presumibilmente fondazioni).

La tecnica è sempre la stessa: le ruspe scavano per qualche giorno e la zona viene recintata in rosso; dopo qualche mese tutto viene ricoperto e livellato per permettere all'erba di ricrescere.

Questo cantiere è stato aperto nel Settembre 2000 e dovrebbe chiudere entro 6 mesi, il costo dichiarato dei lavori è di 66 milioni e rotti più IVA.

Sul cartello apposto all'ingresso sta scritto che si tratta di uno scavo archeologico di proprietà di tale Cavazza, che sono previste due imprese ed un numero presunto di cinque lavoratori;  il committente è la Soprintendenza archeologica di Padova, progettista e direttore dei lavori la dott.ssa Marisa Rigoni (sarà forse è la "ragazza" che si vede di tanto in tanto?)

 

 

Non è certo indispensabile conoscere proprio tutto (...)
 di quel che succede in paese ma,
potrebbe essere interessante sapere:

  1. cosa si cela nel sottosuolo di Montecchio?
  2. i lavori sembrano fermi: a) per la delicatezza dei reperti; b) per mancanza di personale; c) per esaurimento dei fondi; d) o per altri motivi?
  3. il sig. Cavazza, se fosse interessato (poniamo caso) a seminare mais o erba medica nel suo appezzamento, riceve un congruo indennizzo per l'indisponibilità, o gli basta l'onore di possedere un terreno "storico"?
  4. i 66 milioni e rotti, sono: a) per l'impresa Labus snc che parte da Brescia per venire ad aprire il cantiere; b) per l'indennità al sig. Cavazza; c) per chi esamina i reperti ?
  5. se la traccia dei reperti proseguisse in direzione dell'ospedale, sarebbe un pretesto sufficiente per la sua (dell'ospedale) eliminazione definitiva?
  6. a quando il resoconto e l'attribuzione di Montecchio "città longobarda?"

.

Azzarda pure le tue supposizioni, scrivendole sulla relativa scheda del FORUM
.

.

.

A chi fornirà foto o notizie strane e misteriose catturate nei nostri luoghi, e a chi saprà dare le spiegazioni relative,
è riservato un omaggio a sorpresa offerto da Guerra Computer Montecchio !!  
(il premio è riservato a chi fornirà foto e/o notizie ritenute idonee per la pubblicazione su questa rubrica, l'interessato riceverà comunicazione tramite e-mail con le istruzioni per il ritiro)

© 2000-2001 Novatec s.r.l. - tutti i diritti riservati