.....

Misteri - Misteri - Misteri
Immagini e situazioni alla ricerca di una spiegazione: chi saprà darla?

......

 

7 - Le giostre di Pasqua a Montecchio...
per chi sono???

Quest'anno, ancor più degli anni scorsi è stata evidente la diserzione in massa dei Montecchiani dal luna park pasquale.  Si tratta di una tendenza in atto ormai da tempo e ad ogni nuova edizione appare sempre più palese.   Con questo, non significa che la manifestazione vada deserta. Nonostante i "locali" siano evidentemente attirati verso altre destinazioni, fortunatamente ci pensano gli stranieri a rimpiazzarli.

Ai "miei tempi" (vent'anni fa..), ricordo la sagra di Pasqua e Pasquetta come un evento importante da non mancare.  Una marea di Montecchiani si riversava in piazza Marconi e vi rimaneva compatta dal primo pomeriggio fino a notte, piccoli e grandi si aggiravano tra le giostre e i "banchi" che occupavano completamente via Roma fin attorno la fontana, con prodotti di artigianato, ferramenteria di vario genere e gli immancabili enormi cassoni di dischi e audiocassette.  In disparte, l'onnipresente  marocchino trovava il suo angolo di marciapiede dove stendere la stuoia con la modesta varietà di occhiali, orologi, accendini, cassette pirata e cianfrusaglie varie, unica timida avanguardia antesignano dei venditori stranieri. 

Garantito, nel giro di qualche oretta incontravi tutti: parenti e amici e conoscenti e vicini di casa, tra una ciàcòla e un saluto e una battuta veloce, il tempo ti passava che era un piacere.  Tornavi a casa stanco morto, con la testa rintronata dal gran baccano, ma felice e soddisfatto.  Gli adulti con bambini avevano il loro còstiònare per tener buoni i pargoli che piangevano e urlavano tirando la mano del genitore intento a conversare con l'amico incontrato.   I ragazzotti tentavano gli abbordaggi alle ragazze approfittando del clima euforico.  I bociàsse tentavano di scroccare il giro gratis nelle giostre.   Una enorme confusione, nella quale, tutti protagonisti e spettatori al tempo stesso, ci si sentiva parte attiva.  Per ognuno, la sagra era qualcosa di personale.

Ho fatto anch'io il giretto alle giostre quest'anno, e mi è parso di essere al centro del congresso ONU per le minoranze linguistiche.  A parte i gruppetti di adolescenti che si spostano veloci da una parte all'altra della piazza, indaffarati per le loro cose più che per le giostre e i pochi increduli nostalgici alla ricerca di perduti ricordi, i presenti riproducevano il mondo intero!  Cinesi, pakistani, marocchini, ghanesi, arabi, bengalesi, rumeni, albanesi, e chi più ne ha più ne metta!  Una vera Samarcanda.   Ma cosa è successo???

Anche i banchi dei venditori non sono più quelli di una volta. Su sei presenti, sei facce scure d'oltre mare. Gli articoli sono più o meno gli stessi (a parte il venditore africano di souvenir africani) ma dove sono finiti i "piassarotti" di una volta??  Anche dal baracchino dei panini e popcorn fanno capolino due belle facce, tonde, simpatiche e sorridenti ....di giovani cinesi.  Ma cosa è successo??

La sagra di Pasqua è forse segno premonitore dell'inevitabile futuro di Montecchio (e dell'Italia)?  E non possiamo farci niente se non rassegnarci alla realtà del cambiamento?

O forse i Montecchiani disertano la sagra perché non gradiscono gli stranieri, o piuttosto sono gli stranieri frequentatori della sagra perché i Montecchiani l'hanno abbandonata?

O magari la causa è dovuta all'evoluzione dei divertimenti e della comunicazione interpersonale presso i cittadini di Montecchio Maggiore?

Si avverte forse la mancanza dell'indispensabile presenza di un adeguato "stand gastronomico" fornito di luganeghe, crauti, poenta e vin bon, che sparga a distanza i fumi aromatici e gli effluvi culinari come avviene in tutte le sagre che si rispettino???

 

Quali le risposte a tanto scottanti quesiti?

Azzarda pure le tue supposizioni, scrivendole sul FORUM


..è davvero questo che manca??

scheda redatta 050402   -   * le foto relative alle giostre sono state riprese il martedì pomeriggio  - ogni riferimento a persone è puramente casuale.

© 2000-2002 Novatec s.r.l. - tutti i diritti riservati