ville venete
breve itinerario tra le più vicine e  rappresentative

VILLA TRISSINO - MARZOTTO

Tra il 1530 e il 1538 il nobile vicentino Giangiorgio Trissino, ereditato dal padre un edificio in stile gotico, volle trasformarlo secondo i nuovi canoni dell'architettura rinascimentale, portando il rinascimento romano nelle ville del Vicentino, anche se l'aspetto finale rimane comunque ispirato alla villa-castello.

Il Trissino stesso progettò e seguì i lavori quale dilettante architetto, inserendo tra le quattro torri angolari, che racchiudono le finestre, la facciata ornata da lesene di ordine jonico al piano terra e corinzio al primo piano.

Il committente era uomo di lettere e aveva in progetto di realizzare presso la sua villa un'Accademia classica nella quale formare le nuove menti impostate all'ideale umanistico dell'uomo universale.

Secondo la tradizione, durante i lavori della villa il Trissino incontrò un modesto tagliapietre, tal Andrea della Gondola, che accolse sotto la sua protezione e ribattezzatolo Palladio gli diede le basi per la sua formazione culturale.

La villa nell'Ottocento fu ristrutturata ed in particolare venne eliminata una loggia originale della primitiva costruzione gotica

© 2000-2001 Novatec s.r.l. - tutti i diritti riservati