ville venete
breve itinerario tra le più vicine e  rappresentative

VILLA VALMARANA detta "AI NANI "

La villa fu costruita nel 1669 dal giurista Giovanni Maria Bertolo, che volle realizzare un luogo esclusivamente dedicato alla villeggiatura ed allo studio. Dopo l'acquisto della villa da parte dei conti Valmarana, agli inizi del Settecento, furono realizzati, da Francesco Muttoni, il porticato, le scuderie e la foresteria.

Il soprannome della villa deriva dalle sculture, eseguite probabilmente da Giambattista Bendazzoli, che ornano il muro di cinta del parco e che raffigurano appunto dei nani.

La struttura edilizia molto semplice all'esterno raccoglie i famosissimi affreschi di Giambattista Tiepolo e Giandomenico Tiepolo che vi lavorarono nel 1757 coadiuvati da Girolamo Mengozzi Colonna, loro collaboratore abituale.

Le stanze della villa contengono gli affreschi di Giambattista che sviluppa temi classici ripresi dalle interpretazioni dei melodrammi in voga all'epoca ormai appartenenti ad un mondo borghese.

Nella foresteria della villa si trova invece il ciclo di affreschi di Giandomenico Tiepolo, figlio di Giambattista, che affronta un genere praticamente nuovo per l'epoca, riguardante la descrizione di episodi di vita minore popolare, e che fu molto ammirato dai contemporanei.

La stanza dell'architettura viene attribuita al Visentini, famoso esperto di prospettiva dell'epoca; gli ovali della sala dei putti vengono invece attribuiti ad allievi della scuola dei Tiepolo. Nella sala centrale il soffitto è decorato da Giovanbattista Tiepolo con l'Olimpo.

© 2000-2001 Novatec s.r.l. - tutti i diritti riservati