barzellette per tutti!

ventunesima parte

 


Una storiella edificante a carattere religioso

Il sacrestano giardiniere
In un paesello sperduto nella campagna veneta dei tempi passati, il parroco è preoccupato per il suo sacrestano.   Il paese è piccolo, i fedeli pochi, il brav'uomo sbriga le faccende alla chiesa in poco tempo e poi se ne va in giro a bighellonare.   Ultimamente ha preso addirittura a frequentare l'osteria.  Il parroco, preoccupato per le possibili conseguenze di questo stato di inoperosità del suo collaboratore, deciso a toglierlo dalla cattiva strada dell'ozio, pensa di affidargli il compito di giardiniere.  Lo chiama un mattino e gli dice: "Vedi Piero, il terreno a fianco della chiesa è tutto incolto e coperto di rovi, sarebbe bello se tu lo ripulissi e vi coltivassi dei fiori per la chiesa".

Il sacrestano, rimboccatesi le maniche, si mette subito all'opera e, nel giro di qualche settimana, il terreno è ripulito e cominciano a sbocciare i primi fiori.  A metà primavera è un giardino meraviglioso pieno di colori disposti con gusto e maestria.

Il sacrestano passa le sue giornate nel nuovo giardino a lavorare, a sistemare, ad annaffiare, a zappare....   Il parroco è contento e soddisfatto, soprattutto per aver salvato quell'anima dal vizio.   Tutto procede a meraviglia, finché un brutto giorno il parroco si avvede di una inquietante imprevista realtà che lo riempie di dubbi e sensi di colpa.

Tutti i compaesani, passando per il centro paese, fanno tappa al giardino di Piero a compiacersi con lui.  Il sacrestano trascorre le giornate tra le adulazioni ed i complimenti e, tutto gongolante, non gli par vero di essere diventato la celebrità del paese.  Il parroco, preoccupato, pensa: "Ho tolto quest'uomo dal vizio dell'ozio e l'ho gettato nel vizio della superbia!  Ohimè, cosa ho fatto!   Lo chiamerò, gli farò un bel discorsetto, capirà, e cambierà atteggiamenti".

Un mattino chiama il sacrestano e, con aria paterna gli dice: "Caro Piero, tu sei molto bravo, hai fatto un gran bel lavoro in questo giardino, tuttavia, il merito non è tutto tuo....    Devi dirlo che non sei il solo a lavorare qui, che l'opera principale è di qualcun'altro....".   Piero lo segue perplesso.   Il parroco, alzando gli occhi verso il cielo, continua: "E' il Signore che fa sbocciare i fiori, che fa sorgere il sole, che fa piovere....    Cosa faresti se non ci fosse la luce del sole, se la pioggia non bagnasse la terra....   Lo vedi che il Signore è l'autore principale del lavoro, dunque non è giusto che tu ti glori della bellezza di questo giardino.

Il bravo Piero ci pensa un po' su, poi con calma: "E' vero che il Signore ha fatto la sua parte, però, caro signor parroco, si ricorda com'era prima il terreno pieno di rovi, erbacce e sassi, no..?  Vede anche lei che il Signore, come giardiniere, non è che faccia proprio dei gran bei lavori!..."

© 2000-2002 nova3.com - Novatec s.r.l. - tutti i diritti riservati